Lomb.it - V.040 Forum - Contatti - Mappa del sito - Login 
 Registrazione


 Lomb.it
Quiz di matematica
Lomb.it
Monete
Quiz di logica
Indovinelli puri
Linguistica
Quiz grafici
Cronaca e riflessioni
Situazioni ... possibili
Cinema tv e personaggi
Viaggi e vacanze
Cultura generale
Quiz geografici
Canzoni e musica
Geometria
Poesie e racconti
Sesso e dintorni
Quizzone
Giochi online
Pomologia e dintorni
 Vedi anche
Alieni a Pavia
Buon Natale 2012 !
Londra 2012 - Analisi e rielaborazioni del medagliere olimpico
Il poker online dal vostro sofà
BUONA PASQUA
pensaci giacomino!
Sono indeciso, aiutatemi!
Terremoto nord italia
Che grado aveva Garibaldi ?
Che grado aveva Garibaldi ?
opebbacco!
L'auto di Google Street View
Trenord - servizio SMS Mylink
La crisi greca
Furti al supermercato
Sara' colpa dei comunisti !
Wifi silvio berlusconi
I luoghi del potere Longobardo in Italia
Parvi animi
Il piacere del voto
 
L'Autore
Tim ha pubblicato su Lomb.it 28 articoli tra il 09/12/2005 ed il 12/02/2007.

 
L'articolo
Questo articolo è stato scritto il 27/09/2006 e fa parte della sezione Cronaca e Riflessioni.

 
Le Statistiche
Dalla pubblicazione ad oggi, questa pagina ha ricevuto 3027 visite (1/g.) e 13 commenti.

 
Links
Successivo
Precedente
Stesso autore

 Volontariato per PC


  Qualcuno di voi farà volontariato.
Qualcun altro farà beneficenza.
Qualcun altro ancora parteciperà attivamente a programmi di ricerca e sviluppo.

Ma c'è una cosa che tutti possiamo fare, tutti noi che abbiamo un computer connesso in internet, e lo possiamo fare ogni volta che accendiamo il computer: donare la potenza di calcolo non sfruttata del processore alla scienza.
Tutto ciò si chiama "calcolo distribuito", e si basa sulla potenza di calcolo inespressa dei computer appartenenti ad una "griglia computazionale" ("Distributed Computing" o "Desktop Grid Computing", chiamata anche "Network Computing" o "Volunteer Computing").

Come funziona? Semplice: si installa un piccolo client, che si interfaccia con i vari progetti di ricerca. Questo scarica un "task", ovvero una serie di dati e l'algoritmo di calcolo che deve essere applicato ad essi. Durante l'esecuzione del task, il pc può anche restare offline. Il client usa solo le risorse non utilizzate del sistema, ovvero il ciclo "idle". Terminato il task, il client uploada i risultati al server del progetto, e scarica il task successivo.

In uno di questi progetti, collegato alla ricerca contro il cancro, si è stimato di aver eseguito in pochi anni una quantità di calcoli per eseguire i quali sarebbero stati altrimenti necessari cinquecentomila anni.

ATTENZIONE: l'uso del client può sembrare poco intuitivo, ed in effetti all'inizio disorienta non poco. Molti ritengono l'installazione di client di questo tipo una sorta di "creazione di una comunità Borg", nella quale non avremo più libertà di calcolo e di navigazione.
Beh, l'unica controindicazione di aderire a progetti simili, oltre ovviamente quella di aver verificato attentamente la fonte, è che il processore girerà sempre al 100% delle proprie capacità; i computer con una scarsa efficienza di raffreddamento potrebbero quindi ritrovarsi surriscaldati. In tal caso, ricordarsi di far girare il client solo per brevi periodi.



L'infrastruttura computazionale più diffusa è il BOINC, Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, sviluppata dalla Berkeley University of California, che ospita moltissimi progetti di ricerca che si avvalgono del calcolo distribuito.
http://boinc.berkeley.edu/



Il progetto più famoso, oltre all'oramai concluso Genoma@home, è di sicuro il SETI@home.
Si basa sul famoso programma di ricerca SETI (Searh for Extra Terrestrial Intelligence) e si prefigge di esaminare i dati radio registrati dall'osservatorio di Arecibo per trovare "anomalie" che possano consentire l'identificazione di una attività radio all'esterno del nostro pianeta. Dal 1999 ad oggi i computer collegati in rete hanno collezionato quasi 2 milioni di anni di attività di calcolo, e la rete del SETI@home ha una potenza di calcolo paragonabile a quella dei più potenti supercomputer: oltre 250 mila miliardi di operazioni in virgola mobile al secondo.
http://setiathome.berkeley.edu/

Altri progetti:
Einstein@home, progetto premiato con il World Year of Phisics 2005. Ricerca la presenza di pulsar nello spazio.
Rosetta@home, determinazione della forma tridimensionale delle proteine. Progetto collegato alla ricerca contro il cancro ed altre malattie.
Riesel Sieve, trovare tutti i numeri primi esprimibili nella forma k*2ⁿ-1.
BBC Climate Change Experiment e Seasonal Attribution Project, simulatori meteorologici.


Altre info le avrete cercando "calcolo distribuito" in Wikipedia.
 
Commenti

  1. tim
    tim
    27 settembre 2006

  2. tim
    tim
    27 settembre 2006

  3. lincemiope
    lincemiope
    27 settembre 2006

    devo rileggerlo con calma, o meglio farmelo spiegare dal papero

  4. magofeo
    magofeo
    27 settembre 2006

    Non leggo nemmeno, lo farò leggere dal mio "figliol prodigo"...

  5. Guest
    Guest
    27 settembre 2006

    se il papero mi dà l'ocheglio..partecipo volentieri

  6. lincemiope
    lincemiope
    28 settembre 2006

    ppaperus..pendiamo dalle tue labbra

  7. madamekrupskaja
    madamekrupskaja
    29 settembre 2006

    Letto e riletto dieci volte ché ci sono termini davvero mai sentiti: comunità Borg? Task? Ma comunque credo di aver capito ad intuito... Mi fido di Tim, meno della mia attenzione nel controllare il surriscaldamento, per non parlare dell'efficenza degli estintori del Papero( ordinati? e chi li paga, zio?) Mi piace il progetto Rosetta e il Seti, ma potreste spiegarmi il Riesel? In attesa di una vostra gentile risposta, in fede. Madame K.

  8. tim
    tim
    29 settembre 2006

    Corro in soccorso della bella Madame, semper fidelis! Dunque: TASK significa letteralmente "compito". Il computer centrale del progetto divide la mole di lavoro in tanti piccoli "task" che verranno inviati in giro per il mondo per essere elaborati da chi ha il client BOINC installato. Il task non è altro quindi che una piccola porzione di una enorme banca dati (insieme al task viene scaricato in automatico anche il programmino con l'algoritmo per elaborare i dati).

  9. tim
    tim
    02 ottobre 2006

    Il progetto SETI ha già individuato svariati punti del cosmo definiti "molto interessanti" nei quali sono state captate anomalie radio, e di questi punti uno in particolare è definito "estremamente interessante": la fonte radio SHGb02+14a (sebbene provenga da un punto della sfera celeste in cui non vi sono stelle per oltre 1.000 anni luce, esso sembra avere le caratteristiche di un segnale emesso da un pianeta orbitante attorno ad un sole ad una velocità 40 volte superiore della nostra Terra). Questi punti "interessanti" saranno poi oggetto di ulteriori esplorazioni radiotelescopiche per definirne la reale natura; in tal modo un eminente ricercatore del SETI ha dichiarato di prevedere di ottenere (conformemente all'equazione di Drake, pur senza risolvere appieno il "paradosso di Fermi") una prova conclusiva dell'esistenza di attività radio artificiale extraterrestre entro il 2020-2025.

  10. 23 ottobre 2013

    yT6sw6 I really like and appreciate your blog. Want more.

 
Aggiungi un commento all'articolo
Nick

Se vuoi firmare un commento con il tuo nick devi autenticarti: Login
 
 

 Ricerca nel sito

 Ultimi commenti
Giochi con i fiammiferi
Uno squalo in piscina ...
Vecchio forum
Euro e centesimi
Pelosetta e colorita
4 passi a piedi
Qual' è l' area del rettangolo?
Le portano?
Numero di di triangoli
Frutto proibito
Poesie e racconti
Death-ride sull'atomium di bruxelles
Informazioni e faq
Mikkeli
 Accadde oggi
'12 Pesca di Beneficenza - Casanova Lonati 2012
'11 Buona Pasqua
'10 O forse no?
'09 Febbre suina
'08 Euro di fantasia
'07 Trasformazione catalystica
'06 Cambi di genere
'05 indovinello
'04 Malato o no?
Lomb.it - dal 2001 divertire, comunicare, riflettere