Lomb.it - V.040 Forum - Contatti - Mappa del sito - Login 
 Registrazione


 Lomb.it
Quiz di matematica
Lomb.it
Monete
Quiz di logica
Indovinelli puri
Linguistica
Quiz grafici
Cronaca e riflessioni
Situazioni ... possibili
Cinema tv e personaggi
Viaggi e vacanze
Cultura generale
Quiz geografici
Geometria
Canzoni e musica
Poesie e racconti
Sesso e dintorni
Quizzone
Giochi online
Pomologia e dintorni
 Vedi anche
Madame, Mago, Mister e il Sommo
Massimo for President
Concorso fotografico oltrep pavese 2014
Germania Argentina - pronostico finale
Foto recuperate
Pesca di Beneficenza - Casanova Lonati 2012
Vorrei sapere...
Buon Natale 2011
Halloween da un altro punto di vista
Ehil LOMBs!
Concorso Fotografico "Paesaggi e scorci dell'Oltrepo" 2014
Manifesto lomb.it versione 0.41
AUGURI !!!!
domani
san valentino
per la domenica
in comune
nuovo oggetto (antico)
2011
lista desiderii
 
L'Autore
Pedroalvarorosas ha pubblicato su Lomb.it 11 articoli tra il 26/07/2006 ed il 04/06/2007.

 
L'articolo
Questo articolo stato scritto il 20/03/2007 e fa parte della sezione lomb.it.

 
Le Statistiche
Dalla pubblicazione ad oggi, questa pagina ha ricevuto 2372 visite (1/g.) e 8 commenti.

 
Links
Successivo
Precedente
Stesso autore

 Il Tizio non pi tale.

  Una scala, una grande scala, un ampio androne, un cortile interno, altre scale altri portoni all'interno della corte, quattro in tutto.
Architettura dell'ultimo piccolo Impero.
Fresca mattina di met marzo.
Sono le 07,00.
L'ora giusta.

"Silenzio, fate silenzio, silenzio."
La voce fessa del cancelliere arrivava solo alle infastidite orecchie della dattilografa.
Fosco assente, e questa ormai diventata la prassi.
La gente mormora, il paese piccolo, le notizie corrono, vale ovunque, anche qui.
Entra il gangster, oggi gioca con la legge, ha un fascicolo sotto l'ascella, in bilico, tiene il sigaro tra i denti al lato della bocca, le maniche della tonaca lo infastidiscono, il fascicolo in bilico, il gangster si innervosito, il chiasso lo infastidisce, ha smanie di esercitare il potere, sale il gradino, si avventa sul martelletto, il fascicolo crolla, la sedia si ribalta, la tonaca si aggroviglia, la manica si spande sul piano della cattedra e rovescia tutto ci che incontra.
Il giudice si scuote come un grosso molossoide bagnato, si libera di tutto, la sedia vola via la cattedra si rovescia le carte frusciano ovunque, lui urla: "SILENZIOOOOOOOOOO!"
Silenzio.
Silenzio e la fessa faccia del cancelliere muto.
Il processo riprende a processare, si processa Fosco in contumacia.
Fosco infatti assente, guarda fuori.
Il tizio, avanza il nuovo testimone.
Si siede.

Silenzio, solo il cigolio della pelle dei suoi pantaloni e del suo Airborne scudettato.
Silenzio, si aggiusta sulla sedia, occhiali neri, capelli con punte verso l'alto, cespuglio brizzolato sul mento, barba di tre giorni, viso lungo e scolpito.
Silenzio, nera pelle, e neri anfibi, nero silenzio.

"... lo conobbi tempo fa, diversi anni fa, dentro ad un bar, stava con Pedro il tipografo, loro erano filosofi, si vedevano per filosofeggiare ..."

Le sette di mattina, un'ora magica.
"Le sette di mattina, l'ora magica ..."
"FOSCOOO, FOSCOOOO"
Il citofono gracchia.
"Arrivo, arrivo"
Fosco apre la porta, aria rassegnata ma divertita, il tizio di pelle nera sale velocemente le scale, si precipita dentro, investendolo sulla porta con il solito fiume di parlole, lo supera senza curarsene e si installa nella cucina, si siede sempre sulla stessa sedia, nella stessa posizione.
"Allora prendiamoci sto caff ed andiamo."
"Lo hai fatto?"
Fosco sta gi versando il caff dentro una tazzina, lo porge.
"Bene, non hai un cornetto, una pasta, due biscotti, anzi un latte bollente con un po di cognac, senza schiuma?"
Fosco porge delle anicette, un bicchiere, poi posa un pentolino sul tavolo, latte bollente, infine il cognac e si siede, si siede davanti al tizio.
Il nero tizio, ha un ghigno leggero ma incisivo sul viso, il tizio un tizio molto originale, il tizio allunga il collo fino a Fosco, lo scruta. Mangia le anicette morbide di latte e cognac e comincia, anzi ricomincia a parlare.
"Fosco il tuo problema e che non mi ascolti, tu non mi ascolti, cosa ho detto fino ad adesso?"
"Vedi non rispondi te lo ripeto, adesso ascoltami, se non hai un'idea precisa di come vuoi fare che senso ha che troviamo capannone e terreno?"
"Va bene, te lo dico io cosa facciamo, andiamo a vedere il terreno, adesso, subito, senza perdere tempo, poi andiamo in paese, il primo baretto che troviamo ci fermiamo a prendere un caff e poi ci penso io, io faccio un po’ di casino in giro e avremo le nostre informazioni, andiamo, tu sei pronto, si sei pronto, hai preso il caff, lo hai preso, allora andiamo."
Di scatto, si alza e si dirige verso la porta, apre e comincia a scendere, Fosco lo rincorre.

Il tizo scende i tre gradini dietro la piccola porta di legno.
Scandisce ad alta voce: "Permesso, buongiorno, PERMESSO"
Un androne ampio, una volta a botte, un piccolo arco di passaggio, una sala ancora pi grande, che si apre su una piazza antica, dietro un ulivo di 300 anni, grandissimo, argentato, silenzioso, alla sua destra un grande cancello di ferro battuto, un viale, in fondo una casa signorile con una torretta.
Davanti al cancello Fosco, il Nero Tizio e Pedro.
"Questa la casetta del Marchese"
Il Nero, ormai non pi tizio, parte di scatto verso la casa, a ruota Fosco e Pedro.

Un grande, antico portone di legno.

Pedro Alvaro Rosas
 
Commenti
  1. pedroalvarorosas
    pedroalvarorosas
    20 marzo 2007

  2. madamekrupskaja
    madamekrupskaja
    20 marzo 2007

    Dai Pedro, ti prego, dimmi perch hai scelto proprio Lomb. O anche Lomb, non so, ma non vorrei.

  3. massimo71
    massimo71
    20 marzo 2007

    grazie Pedro ! adesso me lo gusto ...

  4. pedroalvarorosas
    pedroalvarorosas
    21 marzo 2007

    Lo dissi a suo tempo, credo di averlo anche ripetuto, Madame fu Lomb a trovare me, Lomb mi semplicemente apparso, lo dissi perch il vero. Pedro

  5. pedroalvarorosas
    pedroalvarorosas
    21 marzo 2007

    Madame, sono il tipo meno indicato, il fratino non poteva rispondere che come rispose nel Vostro onirico racconto, del resto, la mia personale opinione che abbiano un lessico comunque molto limitato, come il loro orizzonte. In ogni caso, mi sembra che, Signora, voi intendiate altro. Madame, Lomb, vi saluto. Pedro

  6. massimo71
    massimo71
    23 marzo 2007

    Pedro il punto alla fine del titolo ... non che questo l'ultimo episodio ?

  7. massimo71
    massimo71
    25 marzo 2007

    pedro cosa ne dici se creo una sezione dove mettere le varie parti del tuo racconto ? per com' fatto lomb.it non semplice ritrovarli in ordine ... a proposito ha un titolo ?

  8. 23 ottobre 2013

    Y4Gzvk I really enjoy the article post.Much thanks again. Cool.

 
Aggiungi un commento all'articolo
Nick

Se vuoi firmare un commento con il tuo nick devi autenticarti: Login
 
 

 Ricerca nel sito

 Ultimi commenti
Giochi con i fiammiferi
Uno squalo in piscina ...
Vecchio forum
Euro e centesimi
Pelosetta e colorita
4 passi a piedi
Qual' l' area del rettangolo?
Le portano?
Numero di di triangoli
Frutto proibito
Poesie e racconti
Death-ride sull'atomium di bruxelles
Informazioni e faq
 Accadde oggi
'12 Pesca di Beneficenza - Casanova Lonati 2012
'11 Buona Pasqua
'10 O forse no?
'09 Febbre suina
'08 Euro di fantasia
'07 Al discount della Hilda, paghi uno prendi tre
'06 Dove ero oggi?
'05 alberto II di monaco
'04 Fuoco freddo
Lomb.it - dal 2001 divertire, comunicare, riflettere