Lomb.it - V.040 Forum - Contatti - Mappa del sito - Login 
 Registrazione


 Lomb.it
Quiz di matematica
Lomb.it
Monete
Quiz di logica
Indovinelli puri
Linguistica
Quiz grafici
Cronaca e riflessioni
Situazioni ... possibili
Cinema tv e personaggi
Viaggi e vacanze
Cultura generale
Quiz geografici
Geometria
Canzoni e musica
Poesie e racconti
Sesso e dintorni
Quizzone
Giochi online
Pomologia e dintorni
 Vedi anche
San Berlusca
3 rebus di immagini
le barzellette di Pierino
Storiella per S.Valentino
... per lo spazzino ...
AMARSI
*+§^* §@+&£&]^ ç§+$§%
LAMENTO DI UNA MONACA
Idea liberty!
notte ...
I monaci
Madou, Elhadj, i Leoni e lo Sciamano Husman.
Il diluvio ripetitivo
Mille milioni di Post-It gialli.
anno 2106 ... strategia della distruzione diun mistero ...
Strategia della distruzione di un mistero - FORUM
Cogito ergo internet
FELICITA'
enigma
tra un enigma e l'altro
 
L'Autore
Magofeo ha pubblicato su Lomb.it 295 articoli tra il 24/04/2005 ed il 06/04/2012.

 
L'articolo
Questo articolo è stato scritto il 18/09/2005 e fa parte della sezione Poesie e racconti.

 
Le Statistiche
Dalla pubblicazione ad oggi, questa pagina ha ricevuto 14346 visite (3/g.) e 39 commenti.

 
Links
Successivo
Precedente
Stesso autore

 LEGGENDA POPOLARE DELLA VAL DI FASSA


  Una volta, tanto tanto tempo fa, dietro alla grande Tofana e precisamente nella Val Costeana che dal Passo di Falzarego giunge a Cortina, c'era un torrente d'argento e in questo torrente abitavano le Aguane, le donne dell'acqua.
Regina delle Aguane era una fanciulla bellissima che si chiamava Marugiana. Questa Marugiana era figlia di una Aguana e di un nobile signore del castello di Andraz.
Questa sua nascita, mezzo umana e mezzo magica, la rendeva particolare: Marugiana era una fanciulla bellissima, poteva come le Aguane vivere nell'acqua, vestirsi dei mille colori del bosco e dei fiori, vivere le profondità delle cascate, ma aveva un cuore umano.
Così Marugiana soffriva quando i pastori ed i cacciatori le raccontavano le tristezze del mondo e dalle sue ciglia di seta scendevano verelacrime, non gocce di rugiada o perle d'acqua.
Un giorno passò accanto al torrente un principe, vide la bella Marugiana e si innamorò perdutamente di lei.
Marugiana ricambiava il suo amore, ma, come dono di nozze, pretendeva che, almeno per un attimo, il dolore fosse tolto dal mondo.
Questo non era naturalmente possibile ed il principe si struggeva dal desiderio e dalla passione.
Si consultarono Bregostane e Selvans, ma solo una vecchia Aguana riuscì a dare un consiglio.
"C'è un attimo" disse la vecchia Aguana "quando tutto pare fermarsi ed il respiro della terra sale dal profondo delle caverne. Questo accade una volta ogni cento anni e si ripeterà proprio quest'anno a mezzogiorno del giorno di San Giovanni".
E a mezzogiorno il giorno di San Giovanni furono stabilite le nozza.
Fu una bellissima festa, anche perchè tutti, uomini, animali e piante, fiori e rocce e acque, tutti amavano Marugiana che voleva solo il bene degli altri.
Per esprimere la loro gioia le piante fiorirono i loro fiori più belli, il cielo si smaltò di azzurro con piccole ghirlandine di nuvole, le montagne fecero toeletta e apparvero bianche e rosa e verdi e brune come devono essere, gli uomini misero gli abiti migliori e gli animali lustrarono il loro pelo.
Ognuno portava un dono ed un fiore e di fiori ce n'erano talmente tanti che non si sapeva più dove metterli.
C'erano lì due nani del bosco, due nani proprio industriosi e quelli pensarono di legare tutti i fiori assieme e farne un mazzo grande come un albero, ma fu subito chiaro che questo "albero-mazzo" non era adatto a vivere come gli altri.
Allora Marugiana gettò il verde velo delle nozze sulla nuova pianta e la pianta mise germogli verdi e............

... e fu chiamata???

Brunamaria Dal Lago, Fiabe di fiori Italiani, Mondadori ed.
 
Commenti

  1. magofeo
    magofeo
    18 settembre 2005

    "... mise coni rossi e profumati, e fu chiamato larice, da lares, che nell'antica lingua vuole dire sacro alla casa ed alle nozze."

  2. madamekrupskaja
    madamekrupskaja
    18 settembre 2005

    ecco!

  3. lincemiope
    lincemiope
    19 settembre 2005

    per me, la principessa aguana ha un'aria familiare... mah??????????

  4. massimo71
    massimo71
    20 settembre 2005

    cosa vuol dire aguana ?

  5. lincemiope
    lincemiope
    20 settembre 2005

    visto che mago si dimentica di risponerti, lancio una curiosità.. aguana era l'antico nome di st.maurice nel vallese (cantone svizzero confinante con il mio) ... sarà la stessa cosa? l'aguana è una fanciulla d'acqua.. non so altro

  6. madamekrupskaja
    madamekrupskaja
    20 settembre 2005

    mago non risponde perché è in tutt'altre faccende affaccendato....... l'ho saputo da una spia di lomb !

  7. lincespia
    lincespia
    21 settembre 2005

    con l'aguana della foto? non posso non saperlo

  8. magofeo
    magofeo
    21 settembre 2005

    @massimo: le aguane sono, appunto, così chiamate le donne che vivono nell'acqua. @linciotta: sorrry, ma sono impegnato a raccapezzarmici con tutta altra persona... l'aguana della foto è una mia "ex". magosciupafemmine.

  9. lincemiope
    lincemiope
    21 settembre 2005

    si si.. vedo che sei un playboy... voli di fiore in fiore

  10. lincemiope
    lincemiope
    21 settembre 2005

    naturalmente una "belladonna"

Puoi commentare questo articolo solo dopo aver effettuato la login

 Ricerca nel sito

 Ultimi commenti
Vecchio forum
2 euro grecia 2010
Il punto l: aspirazione e massaggio
Che cos'e'?
Un altro einstein
Giochi con i fiammiferi
Uno squalo in piscina ...
Oggetto misterioso di fine estate 1
La risposta
Euro e centesimi
Pelosetta e colorita
4 passi a piedi
Qual' è l' area del rettangolo?
Le portano?
Numero di di triangoli
Frutto proibito
Poesie e racconti
Death-ride sull'atomium di bruxelles
 Accadde oggi
'14 Germania Argentina - pronostico finale
'11 Manifesto lomb.it versione 0.41
'10 SPONC + H
'09 ZERU TITULI
'08 Musica per organi caldi
'07 A volte ritornano...
'06 Vacanze romane
'05 rimario
'04 100 euro trichet
Lomb.it - dal 2001 divertire, comunicare, riflettere