Lomb.it - V.040 Forum - Contatti - Mappa del sito - Login 
 Registrazione


 Lomb.it
Quiz di matematica
Lomb.it
Monete
Quiz di logica
Indovinelli puri
Linguistica
Quiz grafici
Cronaca e riflessioni
Situazioni ... possibili
Cinema tv e personaggi
Viaggi e vacanze
Cultura generale
Quiz geografici
Geometria
Canzoni e musica
Poesie e racconti
Sesso e dintorni
Quizzone
Giochi online
Pomologia e dintorni
 Vedi anche
San Berlusca
3 rebus di immagini
le barzellette di Pierino
Storiella per S.Valentino
... per lo spazzino ...
AMARSI
*+§^* §@+&£&]^ ç§+$§%
LAMENTO DI UNA MONACA
Idea liberty!
notte ...
I monaci
Il diluvio ripetitivo
Mille milioni di Post-It gialli.
anno 2106 ... strategia della distruzione diun mistero ...
Strategia della distruzione di un mistero - FORUM
Cogito ergo internet
LEGGENDA POPOLARE DELLA VAL DI FASSA
FELICITA'
enigma
tra un enigma e l'altro
 
L'Autore
Pedroalvarorosas ha pubblicato su Lomb.it 11 articoli tra il 26/07/2006 ed il 04/06/2007.

 
L'articolo
Questo articolo è stato scritto il 08/08/2006 e fa parte della sezione Poesie e racconti.

 
Le Statistiche
Dalla pubblicazione ad oggi, questa pagina ha ricevuto 6359 visite (2/g.) e 27 commenti.

 
Links
Successivo
Precedente
Stesso autore

 Madou, Elhadj, i Leoni e lo Sciamano Husman.

  Ovvero come fu che il laboratorio fece bzzzzzz

Molti anni fa, gli uomini erano ancora pochi ed erano concentrati in ristrette zone della Terra, intorno a loro una sorridente e sfrenata alchimia, la Natura.
Madou ed Elhadj erano fratelli, vivevano nella terra centrale, assolata e bagnata dal Grande Mare, che oggi chiamiamo Oceano Atlantico. Il loro villaggio, era chiamato Goxbi, che in wolof vuol dire Il Posto dell'Arrivo. I due fratelli non erano nessuno maggiore dell'altro, erano semplicemente nati assieme, non erano identici ma simili, della madre poco si sapeva, anche del padre, in realtà, di Madou ed Elhadj, si sapeva ben poco in generale. L'unica cosa certa che si sapeva, era che abitavano a Goxbi, la loro presenza al villaggio era certa da sempre, tutti se li ricordavano. Eppure facendoci caso, i bambini, i giovani, gli adulti e gli anziani, conoscevano e ricordavano i due, come due ragazzi, di un'età indecifrabile compresa tra i 20 e 25 anni, continuando a ricordarli così nel mentre da bambini passavano a giovani, diventavano adulti poi anziani e poi viaggiatori, come si diceva prima che si dicesse morte. Madou ed Elhadj erano fratelli e lo erano da sempre e da sempre vivevano a Goxbi e da sempre erano ragazzi.
A Goxbì viveva, al tempo che successe questa storia, lo Sciamano Husman, che di fatto, da molto già, aveva fatto caso ai due ragazzi sempre tali, Husman aveva ormai diverse decine di anni e diverse decine di anni erano passati da quando lui arrivò a Goxbì.
Decise che voleva parlarci, lo decise quando l'evidenza della sua sopravvenuta vecchiaia, lo metteva difronte ai due giovani, inspiegabilmente sempre più alti e tali come lui se li ricordava da sempre.
Quel giorno i due fratelli erano partiti all'alba.
“Partono sempre all'alba in questa stagione, tornano al tramonto, non portano mai niente con loro”, Husman non si dava pace, ormai era deciso a chiarire la situazione, “Al tramonto andrò da loro, oggi”. Era chiaro, ad Husman, che ormai il momento fosse quello giusto e che fosse proprio quel giorno.
Il giorno più lungo per il vecchio Husman.
L'alba, la partenza, già sveglio da parecchio lo Sciamano era in osservazione, li guardò allontanarsi fin tanto che non sparirono. Poi in lontananza Iene che rientravano e silenzio. Donne, bambini, uomini e vecchi. Husman aveva dormito un paio d'ore, ne fu intimamente contento era comunque meno due.
Passò l'intera giornata ingabbiato nella sua attesa. Non fu uno spettacolo bello. Intanto però, la morsa del caldo allentava la sua presa, le ombre si allungavano, un rosso forte colorava tutto. Husman, tirò fuori la testa e di sbieco, facendosi ombra con la mano, guardò verso Sud e li vide, piccolissimi e lontanissimi, i fratelli da sempre stavano tornando, ragazzi come da sempre. Difficile immaginare come possa proseguire la storia, se non fosse che già si sa, poiché non è la prima volte che qualcuno la racconta. Madou ed Elhadj arrivarono che il sole era ormai al tramonto, passarono tra le capanne, salutarono chi li salutava, entrarono nella loro capanna e salutarono, stupiti, lo Sciamano Husman.
Il vecchio Husman li invitò a sedersi.
Stupiti i fratelli si sedettero.
Lo Sciamano Husman pronunciò una benedizione per la casa e per i due fratelli, che chinarono il capo e stupiti ringraziarono.
Lo Sciamano Husman posò una pipa sul tavolo, la caricò ed aspirò quattro boccate piene, benedisse la pianta e passò la pipa a Madou che stupito e contento la prese, aspirò quattro boccate piene, ringraziò e la passò ad Elhadj che ormai non si stupiva già più.
La pipa tornò tra le mani del vecchio Husman che la posò, cosa che effettivamente stupisce tutti.
Husman aveva una missione da compiere ed oggi era il giorno giusto.
Era ormai notte.
Husman accese il fuoco e guardò i due, prima l'uno e poi l'altro.
Husman parlò.
All'alba i due fratelli partirono ancora.

Pedro
 
Commenti

  1. madamekrupskaja
    madamekrupskaja
    08 agosto 2006

    [19:10] anch'io, ma ci metto un po' di più... (già il titolo mi piace)

  2. magofeo
    magofeo
    08 agosto 2006

    [20:09] Trovo la cosa assolutamente normale. Siamo noi "fuori", che tutte le volte che succede qualcosa di esterno a ciò che abbiamo pensato, (e quindi lo consideriamo quasi come una "verità assoluta"), ce ne chiediami il PERCHE'? . E lo vogliamo sapere perchè non siamo capaci di accettarlo, senza un PERCHE'? vengono minate le nostre sparute certezze. Magofilosofo.

  3. catalyst
    catalyst
    08 agosto 2006

    [20:19] sì ma... PERCHE'? (catalyst terra-terra)

  4. catalyst
    catalyst
    08 agosto 2006

    [20:28] è un ottimo spunto - se vi trovo al rientro dopocena, mi piacerebbe parlarne...

  5. mrRusselDrew
    mrRusselDrew
    08 agosto 2006

    [23:00] Cat, se hai cenato possiamo parlarne!

  6. magofeo
    magofeo
    08 agosto 2006

    [23:25] Ci sono anch'io.

  7. mrRusselDrew
    mrRusselDrew
    08 agosto 2006

    [23:37] Caro Mago, a parte i leoni che, essendo citati nel titolo ma non nello sviluppo del racconto, per esclusione possiamo essere solo che io e te; qual' è la prima cosa che ti viene in mente da associare a questi due fratelloni immortali ?( Si suppone che il racconto sia una metafora, almeno credo...)

 
Aggiungi un commento all'articolo
Nick

Se vuoi firmare un commento con il tuo nick devi autenticarti: Login
 
 

 Ricerca nel sito

 Ultimi commenti
L'albero fruttifero e la bilancia
Vecchio forum
Il punto l: aspirazione e massaggio
La tastiera di madame
Ghigliottina ad immagini
Oggetto misterioso di fine estate 1
Quiz geografici
Cappella sistina
Incipit
Ciaoooo
Tracking euro
Satellite
"pronto, papero?"
Ispettore geppo
Concorso di idee per presepe vivente
Gara di pesca
La legge non è uguale per tutti
Figli
N.14 - legame di partentela
Scatole e palline
L'auto da rottamare
Delitto in lomb.it
E la vecchietta
Indovinello secentesco
Catalogando catalogando....
 Accadde oggi
'13 Foto recuperate
'12 Buon Natale 2012 !
'11 Trenord - servizio SMS Mylink
'10 Chi si ricorda?
'08 eutanasia
'07 ecco gli euro maltesi...
'06 PACS
'05 nuovo 10 euro dalla ipzs..
'04 Le affermazioni
'03 Andromaca e l'Antilope
Lomb.it - dal 2001 divertire, comunicare, riflettere